In base alle dimensioni degli ambienti che desideri pulire a fondo con la tua nuova idropulitrice, dovrai valutare il valore della portata. Esso è indicato su ogni scheda tecnica di ogni modello ed è quindi un fattore da non trascurare.

Portata e prestazioni

La portata rappresenta la quantità di acqua che la tua idropulitrice può erogare in un’ora. Per questo motivo, questo fattore è espresso sulla scheda tecnica del prodotto in l/h, ovvero litri per ora. Questo dato è importante, poiché’ va a condizionare i campi di applicazione della tua nuova idropulitrice.

Se per esempio voi utilizzare questo attrezzo per superfici molto ampie, allora avrai bisogno di una idropulitrice dalla portata adeguata a questo tipo di lavori.

Sul mercato si trovano ovviamente diversi modelli. Quelli dalle prestazioni più contenute e basilari hanno una portata che va dai 300 l/h ai 360 l/h. In questa categoria rientrano quindi i modelli di idropulitrice che puoi usare per lavori di pulizia più semplici, come biciclette, automobili o attrezzi da giardino.

Una via di mezzo è rappresentata dai modelli di idropulitrice la cui portata raggiunge i 500 l/h. Questi sono già più adatti a superfici più ampie, ma sono per lo più consigliati per la pulizia di automobili di grandi dimensioni, camper, piscine e superfici esterne contenute, come le superfici di una casa.

Se hai davvero bisogno di un prodotto molto professionale, allora trovi anche modelli che superano i 500 l/h. Sono comunque sconsigliati per un uso domestico, poiché’ potrebbero risultare difficili da gestire. Anche il loro budget è molto più alto, quindi è un investimento da valutare bene.

Altor fattore decisivo nella scelta della tua nuova idropulitrice è la portata. Esso infatti, insieme alla pressione, garantisce ottime prestazioni ed un livello di pulizia eccellente per ogni ambiente, interno o esterno.

A cosa serve il walkie talkie?