La piastra per waffle serve appunto per cucinare questi deliziosi preparati, quindi si serve delle alte temperature. Non è quindi da trascurare questo fattore nel momento della scelta della piastra per waffle più adatta alle tue esigenze.

Piastra per waffle e temperature

La piastra per waffle deve, come prima cosa, essere costituita in un materiale che supporti le alte temperature. È il caso quindi della ghisa, che si rivela perfetta per garantire una inezia termica perfetta. Significa perciò che la superficie della piastra per waffle sarà in grado di variare, con una velocità non fissa, la propria temperatura in base alle esigenze di quello che stai cucinando.

Innanzitutto devi quindi scegliere una piastra per waffle che ti permette di regolare ampiamente la temperaturaPer i modelli di piastra per waffle per uso domestico, si va da un minimo di 50 gradi ad un massimo anche di 300. Ovviamente dovrai poi regolare questa temperatura in base al risultato di cottura che vuoi ottenere, sempre facendo attenzione a non scottarti!

In media, la temperatura di cottura perfetta per un waffle è di circa 180 gradi, ma dipende tutto dalla doratura che preferisci e dal tipo di impasto che stai usando.

Non dimenticare l’importanza della resistenza, che deve essere integrata nella piastra stessa. In questo modo la penetrazione del calore sarà migliore, così come la sua diffusione in modo omogeneo su tutta la superficie. Il risultato sarà dei waffle più buoni, cotti a puntino, senza bruciature ma anzi dal colore dorato tipico che li rende una vera e propria gioia per gli occhi!

Scegliere una piastra per waffle che raggiunge temperature compatibili con le tue esigenze è fondamentale. Solo così potrai godere di una buona esperienza d’uso e sapere di aver concluso un buon affare.

Leggi anche: A cosa serve il walkie talkie?